Annullato – 24 Febbraio – Sentiero delle Agavi in Fiore e Convento di San Domenico

CARATTERISTICHE DEL SENTIERO:

1. Durata: ca. 6 h
2. Lunghezza: ca. 10 Km – Dislivello: 647m in salita, 453m in discesa
3. Difficoltà: E

Partendo dalla piazza Paolo Capasso di Bomerano ad Agerola si imbocca l’antica mulattiera che ci porta dentro il Vallone del Penise. Lungo i dirupi rocciosi dell’altopiano agerolese vi sono diverse grotte carsiche di varie dimensioni. Le più piccole e prossime a zone coltivabili sugli antichi terrazzamenti sono state utilizzate dall’uomo per costruirvi cellai di cui alcuni anche attrezzati per la torchiatura delle uve. Molti in origine fungevano come celle di romitaggio dei monaci attratti dai monasteri di San Domenico, dove passeremo dopo, Santa Barbara e Cospiti.
La realizzazione delle così dette macerine troviamo lungo quasi tutto il percorso. Questi muri di contenimento del terreno chiamato” chiazze”, costituiscono l’unico modo per coltivare i terrazzamenti con pietre a secco ricavate sul posto.
Passando al di sotto della grotta di Sanata Barbara inizieremo la discesa verso la chiesa di San Elia tra sentieri e scalinate poco battute. Giunti a Furore prenderemo il meraviglioso sentiero delle Agavi in Fiore esposto totalmente verso il mare fino ad arrivare a Praiano. Dopo aver attraversato il paese, saliremo una scalinata comoda fino al convento di San Domenico dove faremo una meritata pausa, da una delle terrazze più belle della costiera. Ci troviamo a 364m. s.l.m. sulle pendici del Monte S. Angelo a tre Pizzi. Connesso al convento si trova la chiesa di Santa Maria a Castro del 500 con all’interno un affresco della madonna della Grazie, recentemente restaurato.
Questo complesso sembra un rifugio mistico che nella sua essenzialità di elementi, si inserisce nello splendore della natura circostante congiungendo l’umano e il divino, dominando il paese sottostante.
Seguiremo il sentiero che ci porta infine sull’ultimo tratto del sentiero degli Dei poco distante da Colle serra. Altri due chilometri per giungere di nuovo Bomerano.

Prescrizioni per i partecipanti:

È obbligatorio l’utilizzo di scarpe da trekking, pena esclusione, si suggerisce abbigliamento a cipolla e di portare con se un ricambio (calze e maglietta). Si consiglia di portare con sé almeno 1 l. di acqua (punti d’acqua: Praiano, Colle Serra). L’escursione non è consigliata a chi soffre di vertigini a causa di ampi tratti esposti.
Colazione a sacco a cura degli escursionisti.
Presa visione delle caratteristiche del percorso, spetta all’escursionista valutare la fattibilità dello stesso in funzione delle proprie capacità e livello di allenamento.
L’appuntamento è previsto alle ore 9.00 in Piazza Capasso di Bomerano ad Agerola
L’escursione è gratuita per tutti i tesserati FIE in regola con il tesseramento (è fatto obbligo a tutti i tesserati FIE non iscritti al gruppo sportivo LNI Trek di esibire la propria tessera). Per i non tesserati FIE è richiesto un contributo assicurativo di € 5,00.
È gradita la prenotazione entro Venerdì 22 Febbraio
Direttore responsabile dell’escursione: A.E. Andrea Schurmann (cell. 338 806 6268) info: lnitreksalerno@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *